Aaron Swartz / La saggezza della folla / Douglas Engelbart / memex / Vannevart Bush / La scuola di Barbiana / Linus Torvalds / Wikipedia / Il Pizzagate / Bulbasaur / Italo Calvino

Il web è un moltiplicatore, e moltiplica tutto ciò che ci mettiamo dentro. Per molto tempo, i pionieri digitali (spesso americani, sempre maschi, bianchi, con studi tecnicoscientifici) hanno pensato che la rete avrebbe moltiplicato soltanto la nostra parte razionale: quella ansiosa di conoscenza, di discutere e dibattere, di sapere e comprendere.
Stupidamente, non si sono resi conto che potenziare la mente significa potenziare tutto: la nostra corteccia razionale, ma anche il nostro inconscio irrazionale, i nostri desideri, le nostre paure, le nostre frustrazioni. Quello in cui la rete ancora eccelle, nonostante tutto, rimane offrire luoghi per comunità, in cui queste possono esprimersi o costruire qualcosa insieme.

Andrea Zanni è nato a Sassuolo nel 1984. Laureato in Matematica, ha scritto per «Esquire» e «il Tascabile», ed è stato presidente di Wikimedia Italia. Fa il bibliotecario digitale a Modena, e da poco anche il papà.

 
ACQUISTA